Rosario Galli

872db6aa7a55eaba17b7a9fd362c04cfLaureato in Storia delle Dottrine Politiche, ha insegnato Drammaturgia al corso Dams di Roma Tre e attualmente si occupa di relazioni esterne al Dipartimento Comunicazione e Spettacolo. Dal 1977 in teatro ha rappresentato più di trenta testi; nel 1980 vince il Premio Fondi La Pastora con “Una giornata come oggi” e subito dopo il Premio Under 35 con “Sottosuolo”. Ammesso nell’82 alla Scuola di Drammaturgia di Eduardo De Filippo. Con Michele Mirabella crea la sala Caffè Teatro dell’Orologio dove debutta in “Gran Caffè Italia” di Stefano Benni.

Dal ’90 al ‘94 è Segretario Generale della Società Italiana Autori Drammatici, con la presidenza di Aldo Nicolaj.

Nel ’93 “Arturo”, inedito in Italia, viene rappresentato in inglese a New York; l’anno prima “Cocomeri in salita”, è tradotto in russo e rappresentato a San Pietroburgo.

Ottiene un clamoroso successo con “Uomini sull’orlo di una crisi di nervi”; la sua commedia più nota che dal ’94 ha avuto ben 12 edizioni diverse, un film, una versione per Palcoscenico di Rai Due ed è stata pubblicata di recente per i tipi di Gremese. Ha pubblicato per la ESA il volume “Eran Trecento” tre testi su Carlo Piscane e la Spedizione di Sapri. Alterna l’attività di teatrante con quella di sceneggiatore; ha partecipato a Elisa di Rivombrosa e scritto fiction televisive per Bud Spencer. Membro fondatore del Premio Internazionale “Carlo Pisacane” dal 1996, attribuito tra gli altri a Giorgio Napolitano nel 2003. Co-fondatore nel 1991 del Premio Salvo Randone, di cui ha curato la regia di tutte le ultime edizioni.

I commenti sono chiusi.